ISB256

Migrazione IBM B2B Integrator V5.2.6 e IBM File Gateway V2.2.6

Verso la fine di settembre 2019, IBM ha annunciato che a partire dal 30 settembre 2021 ritirerà il supporto per le seguenti versioni del programma, disponibili in virtù dell’Accordo internazionale di Licenza del programma IBM:

Si noti che anche le versioni B2Bi 5.2.6.x e IFG 2.2.6.x (come 5.2.6.1/5.2.6.2/5.2.6.3/5.2.6.4/5.2.6.5) sono influenzate dalla discontinuità del supporto, poiché queste corrispondono a versioni in cui era installato il Fixpack di Fixcentral.

I clienti delle versioni non più supportate continueranno a ricevere assistenza fino alla data di scadenza pubblicata.

Per beneficiare delle nuove funzionalità, bug fix, miglioramenti e disporre degli ultimi aggiornamenti in tema di sicurezza, si consiglia ai clienti di migrare alle ultime versioni di B2B Integrator e File Gateway.

Siamo Premier Business Partner di IBM, alleati perfetti per accompagnarvi durante tutto il processo di migrazione, sia per una vostra maggiore specializzazione che per garantire il minor costo e il minore impatto sul servizio.

Perchè devo aggiornare la mia versione?

Il venir meno del supporto comporta principalmente 2 inconvenienti:

  •  Nel caso in cui sia necessario utilizzare il supporto IBM tramite un PMR, il team di supporto indicherebbe in primo luogo la necessità di aggiornare il software con una versione supportata.

  • La vostra versione attuale non beneficerà più di nuove patch di sicurezza, di bug fix, né di nuove funzionalità sviluppate per continuare a mantenere il vantaggio competitivo fornito da una soluzione leader.

Quali rischi corro se non lo faccio?

Lo scenario peggiore si verificherebbe nel caso in cui l’impatto avvenga su un ambiente produttivo ad alta criticità, che richiederebbe un intervento del team di supporto di IBM.

Quali miglioramenti ottengo?

B2B Integrator V6, introduce nuove funzionalità:

  • Docker. Ora puoi utilizzare un contenitore Docker per installare e distribuire Sterling B2B Integrator. Inoltre, puoi utilizzare il contenitore Docker per aggiornare Sterling B2B Integrator.

  • Nuovo servizio per i processi commerciali e per l’integrazione di AWS S3. È previsto un nuovo servizio per i processi commerciali che permette di integrarsi con Amazon Web Service Simple Storage Service (AWS S3). Il Servizio Clienti AWS S3 di Sterling B2B Integrator crea una connessione senza interruzioni con l’ambiente di archiviazione in Cloud ospitato da Amazon. È una soluzione di storage scalabile, affidabile e portatile. Grazie a questo servizio è possibile raccogliere, inserire ed eliminare facilmente file e realizzare molte altre operazioni.

  • Esternalizzazione dell’autenticazione AD/LDAP tramite SSL/TLS.
  • Integrazione di Watson Assistant. Watson Assistant, un pratico assistente di aiuto cognitivo è ora integrato nell’interfaccia dell’utente della console di amministrazione di Sterling B2B Integrator. Watson Assistant riduce la navigazione non necessaria e aiuta a migliorare la ricerca delle informazioni, rispondendo alle domande relative all’utilizzo del prodotto direttamente dall’interfaccia dell’utente.

  • Interfacce virtualmente perfette con i sistemi esistenti attraverso le nuove e aggiornate Restful APIs per sfruttare le tecnologie emergenti.

  • Gli Adapter Containers diventano indipendenti dal nodo ASI. Gli Adapter Containers ora possono essere avviati e inseriti in un ambiente di cluster di Sterling B2B Integrator indipendente dai nodi ASI.

  • Personalizzazioni con UI e REST API. Ora è possibile aggiungere, modificare o eliminare le personalizzazioni e le gestioni personalizzate, i file .jar personalizzati, i servizi e i log-out, utilizzando API REST di B2B o l’interfaccia utente di Sterling B2B
    Integrator. Le personalizzazioni ora vengono memorizzate in una banca dati, in modo tale da essere recuperate in ogni versione.
  • Nuovo interfaccia del pannello degli strumenti. L’interfaccia utente del pannello degli strumenti di Sterling B2B Integrator è stata modificata e ora è possibile creare menù personalizzati attraverso le nuove opzioni.
  • Ridimensionamento dinamico dei nodi. È ora possibile aggiungere un nuovo nodo al cluster in modo dinamico. Dopo aver installato il nodo, questo si unisce automaticamente al cluster esistente. I nodi esistenti assorbono le informazioni relative al nodo recentemente aggiunto e diventano parte del nuovo nodo senza riavviare i nodi esistenti.

Che cosa comporta la migrazione?

La migrazione, da un punto di vista di licenze, non comporta alcun costo, tuttavia è necessario dedicare tempo e personale specializzato.

In B2B Next vantiamo anni di esperienza in questo tipo di migrazioni. L’esperienza ci ha permesso di elaborare un piano di azione per realizzare la migrazione nel minor tempo possibile, garantendo il minor costo e il minor impatto sul servizio, al fine di garantire che
nessuno dei nostri clienti sia coinvolto nel processo di migrazione.

In che cosa consiste e quanto tempo può richiedere la migrazione?

Dopo una settimana iniziale di discovery, durante la quale si analizza la struttura da migrare, la connettività, gli applicativi e i servizi critici, siamo in grado di fornire una stima precisa del piano di migrazione (fasi da 1 a 4 di seguito elencate). Realizziamo queste attività in un periodo di tempo che va dalle 3 alle 4 settimane. Di conseguenza, la migrazione stessa varierà in funzione del numero di processi da migrare e delle personalizzazioni realizzate sulla piattaforma.

Il nostro piano di migrazione prevede le seguenti fasi ad alto livello:

  1. Ricezione ed analisi dell’infrastruttura e tipi di connettività
  2. Studio delle compatibilità
  3. Censimento delle componenti da migrare
  4. Creazione di un piano di migrazione

Mettiti in contatto con B2B Next se hai domande o hai bisogno di ulteriori informazioni riguardo i
nostri servizi di migrazione.